Anzitutto, cos’è l’alimentazione vegana?

Il termine “vegano” indica una persona che ha deciso in modo consapevole di eliminare dalla propria quotidianità tutti i prodotti di origine animale. Ha quindi scelto l’alimentazione vegana in modo consapevole. Spesso, si pensa che essere vegani sia una scelta limitata all’alimentazione, e in gran parte lo è, ma in realtà essere vegani può vuol dire anche limitare l’utilizzo di prodotti di origine animale anche nella cura della casa, del corpo e nell’abbigliamento. L’idea è quella di vivere la propria vita senza provocare un danno ad un altro essere vivente, infatti si tratta di un vero e proprio stile di vita.

I vantaggi sono molti dal punto di vista etico, salutare e ambientale, vediamoli nello specifico:

Etica. In Italia ogni anno vengono macellati circa 700 milioni di animali i quali vivono una vita di sofferenze a servizio di un’industria, quella alimentare che ha come unico obiettivo quello di far crescere più velocemente possibile gli animali (spesso con l’aiuto di ormoni e farmaci che li portano a sviluppare malformazioni e malattie) in modo da macellarli a pochi mesi dalla loro nascita e continuare il processo di produzioni. Un paragone efficace secondo me è quello con l’industria del fast fashion, che ormai conosciamo molto bene, con la differenza che al posto dei vestiti ci sono degli esseri senzienti che vengono trattati come oggetti utili solo a produrre un reddito – e non crediate che ai pesci vada meglio.

Salute. Sono stati fatti molti studi in merito. Ad esempio, la società italiana di nutrizione umana afferma che una dieta vegetale se seguita in modo corretto, quindi includendo tutti i gruppi alimentari vegetali nelle giuste proporzioni e con l’integrazione di Vitamina B12, è una dieta sicura e permette di avere uno stile di vita sano, inoltre una dieta vegana si è dimostrata essere in grado di prevenire e far regredire la maggior parte delle patologie cronico-degenerative della nostra epoca.

Ambiente. Infine, l’ambito che mi sta più a cuore ovvero l’ambiente. Stiamo iniziando a vedere gli effetti del cambiamento climatico e per questo non possiamo più ignorare il problema. La carne è responsabile del 41% della distruzione delle foreste tropicali e la sua industria produce il 14% delle emissioni globali di gas serra.

Diventare vegani è una potente arma contro la crisi climatica, secondo uno studio dell’Università di Oxford, l’alimentazione vegana porterebbe alla riduzione del 49% delle emissioni di gas serra per la produzione di cibo e a una riduzione del 76% dei terreni utilizzati per produrre cibo.

Sì, esatto.

Parliamo di riduzione dei terreni utilizzati per produrre cibo poiché la maggior parte dei terreni utilizzati oggi per l’agricoltura non servono a nutrire l’essere umano ma a nutrire gli animali d’allevamento che poi serviranno ad alimentare l’uomo, capite bene che basterebbe saltare un passaggio per ridurre di molto le emissioni.

Ma attenzione: diventare vegani per ridurre il proprio impatto sull’ambiente non è molto efficace se si continua a comprare frutta e verdura d’esportazione, la cosa migliore sarebbe scegliere prodotti italiani o ancora meglio locali, evitare di sprecare il cibo e limitare gli imballaggi.

So che sembra molto complicato, ma vi riporto la mia esperienza, sono diventata vegana da studentessa fuori sede e senza un euro in tasca eppure ci sono riuscita. Non c’è bisogno di fare tutto subito, le abitudini si cambiano poco alla volta e soprattutto con gli anni si perfezionano, nessuno vi corre dietro o vi punta il dito, provarci è sempre meglio di non provarci affatto.

Alcuni consigli per affrontare la scelta dell’alimentazione vegana.

parlane con il tuo medico. Con la salute non si scherza, se non si prendono le giuste precauzioni si rischia di perdere in partenza e in ballo c’è la tua salute.

Informati. Ascolta le persone che hanno già intrapreso questa scelta, informati sugli argomenti che più ti spingono a intraprendere questa scelta, che siano etici, salutari o ambientali, qui sotto lascio una selezione di libri, video e profili che io ritengo validi.

Procedi per gradi. Non pretendere di diventare vegano dal giorno alla notte, io sono diventata vegana dicendo una mattina “io oggi non mangio carne, poi vedo come va” da allora sono passati 6 anni ma all’inizio ho affrontato una vera e propria transizione, una volta ogni tanto mi capitava di mangiare prodotti di origine animale e va bene così, il mio palato si doveva ancora abituare a sapori diversi, la mia routine doveva ancora adattarsi a questa nuova scelta, le persone intorno a me dovevano ancora capire cose potevo mangiare cosa no. È un cambiamento che deve avvenire gradualmente senza fretta e in maniera consapevole. Prova a cominciare con un’alimentazione prettamente vegetale, se vuoi saperne di più scopri il “flexitarianism“.

Ascoltati. Poniti delle domande: come sta il mio corpo? mi fa male qualcosa? mi sento stanco? Come sta la mia testa? Avrei voglia di mangiare qualcosa in particolare? Qualunque risposta tu dia a queste domande va bene, non esistono risposte giuste o sbagliate.

– Asseconda i tuoi gusti. Non sforzarti a mangiare cose che non ti piacciono solo perché vegane, riproponi i tuoi piatti preferiti in versione vegana, prova ricette nuove con i tuoi alimenti preferiti.

In conclusione, è una scelta estremamente personale e per questo ognuno la affronta in maniera diversa, con tempi diversi e attraversando fasi diverse.

Possiamo sensibilizzare sul tema, perché parlarne sicuramente produce effetti positivi, ma ricordiamoci che è importante rispettare qualunque modo di vivere diverso dal nostro.

 

Consigli di Isabella:

Libri suggeriti:

  • Se niente importa perché mangiamo gli animali – Jonathan Safran Foer. Acquista QUI.
  • Possiamo salvare il mondo, prima di cena. Perché il clima siamo noi – Jonathan Safran Foer. Acquista QUI.

Accout instagram: @aliceful, @cotoncri, @essere animali, @cucinabotanica, @silviagoggi

Video Youtube:

Documentari:  The game changers, Seaspiracy, Cowspiracy

 

Isabella Aloisi

 

~

Lavora nell’ambito dell’architettura e del design ma appassionata da sempre ai temi relativi alla sostenibilità, all’antispecismo e all’alimentazione vegana. Ha portato uno stile di vita più eco-friendly nella sua vita. Come? Rispettando l’ambiente, gli animali e se stessa.

Account instagram: @isabellaaloisi

Categories

Ancora nessun commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.